post

Isola ecologica all’Infernetto

Cari soci il 13 marzo 2017 si è svolto un incontro al Municipio X con delegati delle principali associazioni e dei comitati di quartiere,
per esporre e raccogliere pareri sulla creazione di alcune isole ecologiche dislocate sul municipio, una delle quali all’Infernetto.
Vi riportiamo in allegato la sintesi dell’incontro e la risposta inviata successivamente, dopo attenta riflessione da parte di associazioni
e comitati, i quali si sono a loro volta si sono riuniti per un confronto in merito.

Municipio X – Incontro del 13 Marzo 2017

Isola Ecologica Infernetto

post

UNITA DI CRISI LOCALE: procedure in caso di emergenza allagamenti

Da quanto previsto dal “piano Generale di emergenza di Protezione Civile – Scenari di rischio predefiniti e Procedure per l’attivazione e l’intervento dell’Ufficio Extradipartimentale della Protezione Civile e delle Strutture Operative Comunali e di Supporto” – Deliberazione n. 19/2008 – Applicazione Deliberazione G.C. 1099/99 e OPCM 3606 del 28/08/2007, il Centro Operativo comunale, generalmente, può assistere in emergenza non più di 50.000 persone contemporaneamente. In caso di evento di dimensioni più vaste sarà necessario costituire ulteriori Centri Operativi sul territorio, le Unità di Crisi Locale.
Occorre che i Municipi e gli Uffici municipali si predispongano a contribuire a tutte le attività necessarie. Per tale ragione sono state proceduralizzate tutte le attività necessarie alla gestione delle Unità di Crisi Locali per fronteggiare gli eventi in Stato di Attivazione SA3.

 

12238217_930437470326258_5124323921673960614_o

12232836_930438946992777_3618966347903419356_o

11236476_930439616992710_801342877701590795_o

post

L’invasione delle zanzare e il batterio “buono”

Un bentornato a tutti i nostri associati!
Molti di voi saranno rientrati dalle vacanze in questi giorni ed avranno trovato una brutta sorpresa: un’invasione di zanzare come non si vedeva da qualche estate. Le temperature elevate, l’elevato tasso d’umidità e i rovesci delle ultime settimane, hanno fatto esplodere questo nostro annoso disagio. L’associazione sta cercando delle soluzioni e degli interventi per il prossimo anno, ma già lo scorso anno avevamo pubblicato un post per la creazione di trappole fai da te contro le larve.

Nel frattempo abbiamo trovato delle informazioni utili sul sito dell’Ama e come sempre riteniamo utile condividerle con voi tutti.
Gli interventi di “bonifica”, ad opera delle squadre specializzate AMA, prevedono attività di trattamento larvicida nelle aree di proprietà comunale in cui sono presenti tombini, manufatti fognari, piccole raccolte d’acqua, ristagni permanenti, fontane senza presenza di fauna ittica.

Il 70% dell’infestazione della zanzara tigre è dovuto al suo proliferare nelle aree private: l’Ordinanza n. 85 del 2015 del Sindaco di Roma prevede che i cittadini, per non incorrere nelle sanzioni previste, svolgano queste semplici attività:

  • non abbandonare oggetti e contenitori, in spazi aperti pubblici e privati, atti a favorire la raccolta di acqua;
  • svuotare, lavare e/o capovolgere ( se non utilizzati ) contenitori di uso comune, quali sottovasi, piccoli abbeveratoi per animali domestici, innaffiatoi e simili, evitando di immettere queste acque nei tombini;
  • coprire i contenitori d’acqua inamovibili ( es. vasche di cemento, bidoni e fusti per l’irrigazione degli orti, ecc, ecc. );
  • sostituire frequentemente l’acqua nei contenitori di fiori nei cimiteri e per i fiori finti riempire i contenitori di sabbia o sassi;
  • provvedere nel caso di fontane ornamentale, laghetti artificiali e simili, all’eventuale introduzione nelle stesse, dipesci larvivori ( pesci rossi, gambusie, ecc. )
  • evitare ristagni d’acqua nei campi incolti e nei giardini e di provvedere a mantenere bassa l’erba e ad eliminare le sterpaglie;
  • mantenere in perfetta efficienza le grondaie per evitare eventuali ristagni d’acqua;
  • pulire bene i vasi prima di portarli all’interno per i periodi freddi o prima di esporli all’esterno;
  • mantenere in perfetta efficienza i tombini presenti nei giardini, nei cortili e negli spazi condominiali;
  • trattare le acque dei tombini, griglie di scarico e pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, presenti negli spazi di proprietà privata, utilizzando specifici prodotti larvicidi. Si consiglia l’uso di prodotti larvicidi biologici a base di Bacillus thuringiensis e di inibitori della crescita che impediscono lo sviluppo delle larve. Tale trattamento deve essere ripetuto ad ogni precipitazione atmosferica ed in caso di assenze prolungate.

La presenza in un’area di densità elevate di adulti di zanzara tigre sta a indicare la mancata applicazione delle norme di prevenzione. Deve, quindi, essere localizzata la presenza di focolai di riproduzione dell’insetto ed eliminati.

È del tutto inutile eseguire a scopo preventivo trattamenti delle aree verdi con prodotti ad azione adulticida.

Da queste informazioni è evidente come sia importante più che mai l’azione di ognuno di noi. Molti nel nostro consorzio effettuano una disinfestazione privata, nel proprio giardino, attraverso ditte esterne o fai da te. È perfettamente comprensibile.
Ma come dice chiaramente l’Ama l’intervento deve essere di tipo larvicida, altrimenti non ha efficacia. Per cui esortiamo tutti ad effettuare interventi nei tombini e nelle caditoie, con i prodotti segnalati dall’ Ama: prodotti larvicidi biologici a base di Bacillus thuringiensis e di inibitori della crescita.

Bacillus Thuringiensis
Insetticida biologico, contro le larve di zanzara, a base di bacillus thuringiensis varietà israelensis, innocuo per l’uomo e gli animali, e non inquinante per l’ambiente. I trattamenti vanno effettuati a cadenza settimanale, da Aprile a Ottobre ed è necessario ripetere il trattamento dopo ogni pioggia abbondante. In virtù del meccanismo d’azione altamente specifico (tossina-recettore), il Bacillus thuringiensis, risulta innocuo per l’uomo, gli animali domestici e gli organismi utili come, per esempio, gli impollinatori (api, bombi, ecc.) o come i predatori che si nutrono di insetti e acari nocivi (coccinelle, crisope, sirfidi, ecc.). La persistenza nell’ambiente dei prodotti a base di Bacillus è ridotta a causa della suscettibilità alla luce (fotolabilità) delle spore e dei cristalli attivi, infatti, i trattamenti vanno ripetuti settimanalmente, ma proprio per questa caratteristica l’impiego del Bacillus thuringiensis viene ammesso dai disciplinari di produzione biologica.
Il Bacillus thuringiensis, nel settore della disinfestazione svolge un ruolo fondamentale, in quanto il suo utilizzo si integra perfettamente con i protocolli di prevenzione e controllo ecocompatibile delle zanzare, essendo considerato come uno degli insetticidi più selettivi tutt’oggi disponibili e assolutamente sicuro nei confronti dell’ambiente e delle specie utili.

Lo trovate nelle agricole o in farmacia (per esempio Vectobac) sono compresse che vanno disciolte nel ristagno d’acqua.

post

Disegno di legge sui delitti ambientali nel Codice penale: mai più impunità per i reati ambientali

Dopo 21 anni gli ecoreati entrano finalmente nel Codice penale: eco-giustizia è fatta.

Da ora in poi gli ecomafiosi e gli ecocriminali non la faranno più franca: grazie ad una norma come questa sarà possibile colpire con grande efficacia chi fino ad oggi ha inquinato l’ambiente in cui viviamo contando sull’impunità.

Libera e Legambiente, che hanno promosso l’appello “In nome del popolo inquinato” sottoscritto da altre 23 sigle associative di cittadini, medici, studenti e di categoria, hanno brindato davanti a Palazzo Madama subito dopo il voto favorevole del Senato che ha approvato senza modifiche e quindi definitivamente il disegno di legge sui delitti ambientali nel Codice penale.

È una pagina memorabile della storia del nostro Paese.

eko2

D’ora in poi si apre, infatti, una nuova era per la tutela dell’ambiente, della salute e della parte sana dell’economia e dell’industria.

L’approvazione di questa legge non può che far pensare a chi, come Mimmo Beneventano, ha pagato con la vita nel 1980 il proprio impegno in difesa dell’ambiente e contro la camorra e alle tante persone che hanno accompagnato le nostre associazioni in questo lungo percorso iniziato nel 1994, alcune delle quali non ci sono più, come Roberto Mancini, Natale De Grazia, Ilaria Alpi, Miran Hrovatin, Federico Bisceglia.

Anche a loro va il nostro ringraziamento per aver contribuito a raggiungere questo obiettivo straordinario per il nostro Paese.

Ma va soprattuto a coloro che hanno supportato questa battaglia, grazie a voi oggi l’Italia è un Paese più civile.

www.riparteilfuturo.it

post

Infernetto: seconda area per la raccolta gratuita di sfalci e potature

Avvisiamo tutti che finalmente l’Ama ha creato un secondo centro di raccolta per potature e sfalci d’erba all’Infernetto.
In nuovo centro è situato all’angolo tra via Pietro Romani e via C. Colombo ed è aperto nei seguenti giorni ed orari: il lunedì dalle 8:30 alle 13:00 ed il sabato dalle 13:00 alle 16:30.

post

Municipio X. All’Infernetto nuova area per la raccolta gratuita di sfalci e potature

Roma, 19 dicembre – Inaugurata in via Caines all’Infernetto, Municipio X, un’area attrezzata dove sarà possibile consegnare gratuitamente sfalci e potature provenienti dalle utenze domestiche.
Hanno partecipato l’assessore all’Ambiente del X Municipio, Marco Belmonte, e il direttore Generale di Ama, Alessandro Filippi.
Si tratta di un servizio sperimentale che è stato reso possibile dalla concessione a titolo gratuito dell’area, che ha una superficie di circa 5.500 mq, da parte del X municipio a Ama, che ha provveduto a posizionare cassoni aperti dove conferire le ramaglie.
I cassoni saranno vuotati e puliti periodicamente dagli operatori aziendali e i rifiuti raccolti saranno avviati a recupero presso impianti di compostaggio.
Ama curerà il mantenimento dell’area effettuando regolari interventi di pulizia e sarà responsabile dell’apertura e della chiusura del cancello di accesso. In questa prima fase sperimentale la struttura sarà a disposizione dei cittadini il lunedì dalle 13 alle 16.30 e il sabato dalle 8.30 alle 13.
Si tratta di un ulteriore servizio che Ama mette a disposizione dei cittadini del X municipio, territorio che è stato recentemente raggiunto dal nuovo modello di raccolta differenziata con circa 115mila abitanti coinvolti dal “porta a porta”.

Da www.comune.roma.it

Ama_infernetto_d0

post

I rifugiati dell’Infernetto

In questi giorni il nostro quartiere è stato protagonista suo malgrado, della scena mediatica, questa volta non per colpa degli allagamenti, ma in seguito alle vicende accadute nei giorni scorsi a Tor Sapienza.La nostra associazione ha seguito da vicini i fatti, non per schierarsi, ma semplicemente per essere informati e riportare gli avvenimenti.

Ma facciamo un passo indietro. Tutto è iniziato con l’inaugurazione a primavera del centro malati di Alzheimer Le betulle situato nel vecchio casale in fondo a via Salorno. Già da allora la nostra associazione aveva avuto il sospetto che ci fosse una situazione poco chiara, in virtù di quello striscione (che ultimamente è stato rimossso) che indicava “Villaggio della solidarietà”. Recentemente è stato poi confermato che all’interno del centro, che è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00 per i pazienti che vi svolgono varie forme di riabilitazione, uno degli stabili è stato adibito come centro di accoglienza per dei minori che hanno fatto richiesta di asilo politico.
A seguito di questa notizia c’è stata una forte protesta e indignazione sul web da parte dei residenti che non ne sapevano nulla e non erano stati avvisati, le istituzioni stesse hanno dichiarato di non esserne al corrente. Come sempre accade, le notizie sono molte e confuse: chi dice che siano 15, chi 18, chi che siano tutti minorenni, chi che vi siano anche delle famiglie. Fatto sta che questi ragazzi girano tranquillamente già da diversi mesi nelle strade del nostro quartiere senza creare apparentemente nessun problema. Tant’è che molte persone prima dei fatti della scorsa settimana non ne sapevano neanche l’esistenza.

La situazione è precipitata quando la scorsa settimana dopo la protesta di Tor Sapienza circa 25 dei minori ospitati nel centro di quel quartiere sono stati trasferiti qui all’Infernetto. In effetti avevamo visto del fermento in questi giorni: giovedì i ragazzi nel piazzale del casale erano parecchi, sicuramente non 18, e venerdì alcuni sono stati visti dirigersi verso la fermata dell’autobus con bagagli al seguito. Sabato è arrivata poi la notizia divulgata tramite tutte le associazioni e comitati di quartiere che alcuni di questi ragazzi nella mattina si erano picchiati ed era stata organizzata una protesta per la mattina seguente.Ricostruendo i fatti con altre fonti d’informazione ufficiale, pare che la rissa sia scoppiata tra “compagni” del centro di Tor Sapienza, proprio a causa della volontà di alcuni di tornare nel loro centro di appartenenza, 4 di questi ragazzi sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Grassi.

Poi nella mattinata di domenica si è svolta la protesta alla quale hanno partecipato molti residenti preoccupati che il nostro quartiere si possa trasformare in una nuova Tor Sapienza. La nostra associazione ha partecipato, anche se marginalmente, con alcuni rappresentanti, per capire meglio se esiste un pericolo reale e come realmente sono andati i fatti, anche perché il nostro consorzio confina proprio con il casale che ospita i ragazzi immigrati. Grazie alla nostra partecipazione ed allo scambio di informazioni con altre fonti, abbiamo scoperto che i ragazzi ospitati nel nostro centro frequentano regolarmente la scuola, sono seguiti e comunque sono qui di passaggio in attesa di essere trasferiti in case famiglia, essendo tutti (o quasi) minorenni.
Questo è quello che ha dichiarato anche il sindaco Marino che nel pomeriggio è venuto a visitare il centro e ad incontrare i cittadini, inoltre ha aggiunto che i ragazzi di Tor Sapienza sono qui di passaggio e che entro 20 giorni saranno trasferiti.

In conclusione per ora la situazione sembra sotto controllo e possiamo tornare ad occuparci dei veri grandi problemi del nostro quartiere come la sicurezza e gli allerta meteo. Riteniamo comunque che la presenza dei cittadini sia stata fondamentale perché ha mandato un chiaro messaggio alle istituzioni e cioé che siamo attenti a quello che accade intorno, mentre loro continuano con la loro indifferenza ad agire come se noi non ci fossimo: il centro è stato aperto all’insaputa di tutti, ma ora ne siamo consapevoli e coscienti.

Trovate altre informazioni su questo ed altri argomenti sulla nostra pagina Facebook

Questo l’intervento del nostro segretario all’interno del servizio di Messaggero TV

post

Cassonetti addio: rimozione e… primi problemi

Come già annunciato nel precedente articolo dal 6 novembre l’AMA sta provvedendo alla rimozione dei cassonetti su strada.
Sono già stati rimossi in diverse strade del quartiere e in linea di massima ogni cassonetto ha affisso un avviso che comunica il giorno in cui sarà rimosso. Oggi è toccato a quelli siti in via Salorno, di fronte ad Acqua & Sapone.

Purtroppo sono già evidenti i vizi e i malcostumi di alcuni cittadini: sacchetti dell’immondizia gettati ai piedi delle campane per il vetro, per di più di fronte alle scuole, oppure nei cestini delle aree verdi pubbliche.
Tutto questo oltre ad essere indecoroso e incivile è illegale e soggetto a sanzioni.

Come associazione che si occupa del decoro urbano ci sentiamo molto coinvolti in questa iniziativa e nel rispetto delle sue regole, per questo chiediamo a tutti i nostri associati di divulgare queste informazioni e di essere sempre da monito a tutti i loro vicini.
Infatti quando quotidianamente gli incaricati Ama vengono a svuotare le nostre pattumiere compilano dei formulari con i nostri dati identificativi, sui quali riportano se abbiamo lasciato fuori la spazzatura o meno, la tipologia, ecc…
Questo per monitorare la raccolta e per essere al corrente di chi sta adempiendo al proprio dovere, quindi tutti coloro che credono di fare i furbi prima o poi saranno rintracciati e sanzionati.

Per i cittadini che non rispettano il decoro urbano, infatti, la normativa prevede sanzioni con importi stabiliti sulla base del tipo di violazione, inoltre il Regolamento per la gestione dei rifiuti del Comune di Roma del 2005 e le successive Ordinanze del Sindaco hanno reso obbligatoria per tutti la raccolta differenziata definendo precise sanzioni che vanno dai 100 ai 500 euro.

Per le attività di monitoraggio e vigilanza ambientale AMA ha aumentato il numero degli agenti accertatori, a questi si aggiunge un gruppo di agenti del nucleo Decoro Urbano. La task force viene affiancata dagli agenti della Polizia Municipale e di tutte le altre Forze dell’Ordine.

COORDINAMENTO SICUREZZA IDRAULICA X MUNICIPIO ROMA CAPITALE INFORMATIVA ALLERTA METEO

Roma, martedì 4 novembre 2014
COORDINAMENTO SICUREZZA IDRAULICA X MUNICIPIO ROMA CAPITALE
INFORMATIVA ALLERTA METEO
In data odierna, i Comitati di Quartiere del X Municipio sono stati convocati dalla Giunta Municipale per essere informati sull’allerta meteo.
Sono state fornite le seguenti indicazioni:
L’allerta meteo (allarme arancione) è prevista da stanotte sino a venerdì mattina, con possibile ripresa delle piogge a partire da sabato e domenica, mentre sono attesi dai 50 ai 100 ml di acqua per pioggia intensa.
Sono a disposizione dei cittadini i due seguenti numeri:
- unità di crisi locale: 06.67696268 attivo da domani mattina alle 7:00 (h24)
- protezione civile: 800.854.854 (numero verde già attivo)
Sono stati predisposti mezzi della Protezione Civile Comunale e Regionale, Ama, Atac ed Acea, e, in caso di necessità, si sono resi disponibili 24 plessi scolastici locali per l’eventuale allestimento delle palestre, attraverso il coordinamento dalla Protezione Civile locale.
Si consiglia di evitare di dormire nei seminterrati e di segnalare casi di persone non autosufficienti al numero 06.67696268.
Sono stati segnalati dal Cbtar al X Municipio di Roma Capitale i seguenti 15 punti critici, dei quali 4 saranno presidiati da questa notte (Ostia, Infernetto, Bagnoletto e Casal Bernocchi):
1. Occhialoni (attraversamento Via del Mare Canale Dragoncello altezza Via della Macchiarella);
2. Griglia Madonnetta (Viale Fra’ Andrea di Giovanni incrocio Via dei Romagnoli);
3. Canale Bagnolo (attraversamento Via del Mare “Occhialino” altezza Via del Collettore Primario);
4. Influente L Canale Palocco (Infernetto altezza Via Alaleona – Via Pinelli);
5. Influente M Canale Palocco (Infernetto Viale di Castel Porziano vari punti lungo i ponticelli in particolare Via W. Ferrari, Via Pinzolo, Via Giordano, Via Stradella e Via O. Vecchi);
6. Influente N Canale Palocco (Infernetto Via Salorno – Via Predoi);
7. Via A. Airodi (Romagnoli 1) zona Stagni traversa Via Chigi;
8. Via Dennis traversa Via Collettore Primario;
9. Stagni (Canale Ostiense argine in sx idraulica);
10. Bagnoletto (Via Albosaggia – Via Bertoli – incrocio Via Ceneselli con Via di Bagnoletto);
11. Via A. Banduri (Canale Saline – Paperacchio);
12. Via Epaminonda (altezza Canale Levante);
13. Canale palocco (altezza Via Solone angolo Via Cristoforo Colombo);
14. Tor San Michele (impianto comune-Acea su Via Tancredi Chiaraluce in prossimità Acque Rosse);
15. Via dei Romagnoli tra Via delle Gondole e Via Aleutine;
Per ulteriori informazioni e/o necessità fare riferimento ai propri Comitati di Quartiere.
Coordinamento Sicurezza Idraulica X Municipio Roma Capitale

1779838_10204159355856274_3088289792680822294_n

post

X municipio parte la raccolta differenziata: Il 27 ottobre sarà il primo giorno per Infernetto Nord, Infernetto Sud, Colombia, Macchione di Castel Fusano, Castel Porziano e Cacciuta

COME E DOVE SI PARTE
Il nuovo modello di raccolta differenziata in X municipio partirà progressivamente il 27 ottobre dalle aree servite dal ‘porta a porta’, cominciando dall’Infernetto (Infernetto Nord, Infernetto Sud, Colombia, Macchione di Castel Fusano, Castel Porziano, Cacciuta) e proseguendo via via con gli altri quartieri (Palocco, Longarina, Stagni di Ostia, ecc.).

In tal modo saranno coinvolti complessivamente 229 mila abitanti: 115 mila saranno interessati dalla raccolta ‘porta a porta’, mentre i restanti 114 mila dal sistema stradale opportunamente riorganizzato. Queste tutte le aree che saranno raggiunte: Infernetto Nord, Infernetto Sud, Colombia, Macchione di Castel Fusano, Castel Porziano, Cacciuta, Casal Palocco, Nuova Palocco, Longarina, Stagni di Ostia, Madonnetta (parte del quartiere), Saponara (parte del quartiere), Ostia Antica, Saline, Bagnoletto, Dragona, Dragoncello, Villaggio S. Francesco, Monti S. Paolo, Casaletto di Giano e Centro Giano.

CORRETTA RACCOLTA DIFFERENZIATA
Per l’assessore all’Ambiente di Roma Capitale, Estella Marino. “Il primo punto alla base di una buona gestione dei rifiuti è una corretta raccolta differenziata. Lo si è visto nei Municipi dove la raccolta differenziata è partita nel 2013 raggiungendo il 45/50%, con picchi del 59%. Merito soprattutto di cittadini attenti, non essendoci stata a monte molta attenzione alla logistica e alla comunicazione. Per questo motivo noi come Amministrazione abbiamo puntato su questi due aspetti. Con AMA e con i Municipi, abbiamo programmato la logistica e abbiamo avviato una campagna informativa capillare sui territori, coinvolgendo associazioni, parrocchie e scuole. I Punti Informativi non solo distribuiscono materiale informativo, ma fanno e faranno da megafono in un contatto diretto e continuo con i romani. Dobbiamo spiegare passo dopo passo metodi e modi di una corretta raccolta differenziata”.

LA COLLABORAZIONE DEI CITTADINI
Il presidente del X municipio, Andrea Tassone, e l’assessore all’Ambiente e alla Sicurezza, Marco Belmonte, hanno dichiarato “confidiamo nella collaborazione dei cittadini: ci stiamo apprestando a fare un cambiamento epocale che andrà ad incidere sulle abitudini delle famiglie del nostro territorio. È un cambiamento a cui dobbiamo aprirci in modo positivo, perché lo dobbiamo a noi stessi e all’ambiente che lasceremo ai nostri figli. Differenziare significa far diventare il rifiuto una risorsa economica, gli scarti diventeranno beni che verranno messi sul mercato e avranno, quindi, un valore economico. Questo consentirà, con il tempo, ad Ama di creare utili che dovranno necessariamente essere investiti in nuovi posti di lavoro”.

2014 ANNO FONDAMENTALE
Per Pietro Zotti, responsabile operativo di Ama, “il 2014 sarà un anno fondamentale sul fronte della differenziata, con il coinvolgimento di ulteriori 5 municipi nel nuovo modello di raccolta: al IV e XII, che hanno iniziato prima dell’estate, si aggiungono in autunno i municipi X, VIII e XIV. In totale, si tratta di 868 mila nuovi abitanti complessivamente raggiunti dal servizio nel 2014, che portano a circa 1 milione e 840 mila i romani serviti dal nuovo modello di raccolta differenziata in tutta la città”.

COME FARE LA RACCOLTA
Il piano di raccolta prevede la semplificazione e l’ottimizzazione dei sistemi di raccolta dei rifiuti con l’applicazione di 2 soli modelli: il domiciliare/condominiale (porta a porta) e la raccolta stradale opportunamente riorganizzata. In entrambi i casi, comunque, la raccolta differenziata viene effettuata separando le 5 frazioni di rifiuto: organico; contenitori in vetro; carta e cartone; multi-materiale ‘leggero’ (contenitori in plastica e metallo); materiali non riciclabili. Entrambi i modelli di raccolta prevedono la presenza delle campane verdi stradali per il conferimento dei contenitori in vetro. Ama ha già iniziato la consegna dei kit di avvio del servizio, a partire dagli abitanti coinvolti nel porta a porta.

Agli utenti a cui non è possibile consegnare il materiale viene lasciato un avviso con un numero telefonico da contattare per concordare la nuova consegna. Il kit comprende una bio-pattumiera areata da 10/20 litri con una dotazione iniziale di 80 sacchetti biodegradabili e compostabili per la raccolta degli scarti alimentari e organici (fornitura utile per circa 6 mesi di raccolta).

In casi particolari, come quello che riguarda le piccole villette, i residenti ricevono la biopattumiera più i mastelli/sacchi per le altre tipologie di rifiuto, da esporre in giorni e orari prestabiliti. Come già sperimentato negli altri municipi già coinvolti, per i cittadini interessati dal porta a porta l’azienda adotterà una politica molto flessibile, permettendo ai residenti nella prima fase di attivazione di utilizzare anche i cassonetti stradali, che rimarranno a disposizione per qualche settimana in modo da venire incontro alle esigenze dei cittadini. Come in casi analoghi, poi, nel primo periodo e fin quando non saranno rimossi i cassonetti stradali, Ama non eleverà sanzioni per trasgressioni al corretto conferimento della raccolta differenziata (che variano da 100 a 300 euro).